toscana vallate

Questo articolo è dedicato alla lingua, agli idiomi, ai dialetti parlati in Toscana, un importante patrimonio culturale che è alla base della stessa lingua italiana, che ha le sue radici proprio nel dialetto fiorentino del ‘300 usato da Dante, Petrarca e Boccaccio, che attraverso le loro opere gli hanno dato la dignità di “lingua letteraria”.

Questo post vuole essere un punto di partenza sulla “Toscana parlata”, e propone una breve panoramica sui dialetti toscani, il vocabolario toscano disponibile direttamente online, ed una raccolta di proverbi toscani.

Per chi vuole approfondire l’argomento potrebbe essere utile partire dalla monografia di Luciano Giannelli, intitolata “Toscana” (si trova anche con CD-ROM), che presenta un quadro dettagliato della Toscana dialettale.

Il libro è stato pubblicato nella sua prima edizione nel 1976 e poi aggiornato nel 2000 con una nuova edizione, pubblicato da Pacini Editore (collana Linguistica e dialettologia).

Un importante strumento di ricerca è l’Atlante Lessicale Toscano, frutto di un lavoro di oltre 10 anni iniziato nel 1973 e condotto presso l’Università di Firenze sotto la guida di Gabriella Giacomelli. L’idea nasce all’interno del seminario guidato da Gabriella Giacomelli, docente di Dialettologia Italiana alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze, con l’obiettivo di realizzare uno strumento che possa rappresentare adeguatamente le differenze del lessico toscano, orizzontali (cioè da luogo a luogo) e verticali (nello stesso luogo, tra persone di diversa generazione e di diverso livello socioculturale).

L’Atlante Lessicale Toscano è oggi disponibile in versione web (ALT-Web), e raccoglie il frutto di inchieste condotte a tappeto in tutta la regione (224 località in maggioranza centri agricoli) intervistando un pubblico differenziato per età, sesso e classe socioculturale, con domande sulle fasi lunari, i fenomeni meteorologici, la scansione del tempo, le tipologie e le forme del terreno, l’agricoltura (negli aspetti legati alla coltura del castagno, alla coltura delle vite, a quella dell’olivo e del grano), le piante, i frutti, il bosco, gli animali, la casa, i cibi tradizionali.

Per quel che riguarda ToscanaParlata.com le due fonti principali sono, per il vocabolario il “Vocabolario dell’uso toscano” di Pietro Fanfani, edito nel 1863 da G.Barbèra., e per i proverbi la “Raccolta di proverbi toscani nuovamente ampliata da quella di Giuseppe Giusti e pubblicata da Gino Capponi”, edita nel 1871 da Successori Le Monnier. Questi due libri, non più protetti dal diritto d’autore si trovano facilmente anche online sotto forma di e-book.