cartina percorso da pistoia a roma

Per raggiungere Pistoia partendo da Roma si possono considerare diverse alternative. I mezzi disponibili sono di sicuro l’aereo, il treno, gli autobus o l’auto.

In aereo

In aereo è possibile partire dall’aeroporto di Ciampino o di Fiumicino e raggiungere la vicinissima Pisa per poi prendere in ogni caso un autobus per arrivare a Pistoia. Oppure arrivare a Firenze e anche in questo caso proseguire in bus.

Questa è ovviamente la soluzione per chi ha bisogno di arrivare in davvero pochissimo tempo e a livello di costi risulta però essere una delle più proibitive, in alcuni casi superando il centinaio di euro a persona.

Il treno

Un’altra soluzione è indubbiamente quella dell’utilizzo delle reti ferroviarie. Trenitalia infatti offre la possibilità di arrivare a Pistoia partendo da Roma cambiando soltanto un treno. Si parte di solito con il Frecciargento o il Frecciarossa fino a Firenze per poi proseguire con un treno regionale. I tempi di percorrenza della tratta variano da due a quattro ore circa in media, arrivando in alcuni casi a sette, ma solo in presenza di ulteriori cambi.

In questo caso i costi sono abbastanza contenuti, un viaggio di sola andata arriva a costare al massimo cinquanta euro.

Autobus

Se invece si volesse optare per i bus, esistono diverse aziende che operano sulla tratta. I viaggi durano dalle quattro alle sei ore e i bus arrivano direttamente a Pistoia senza effettuare alcun cambio. A fronte delle diverse compagnie che operano su questa tratta, la soluzione del bus è una delle più economiche, in quanto i biglietti di sola andata partono da meno di dieci euro e non superano mai i venti.

In automobile

Arriviamo al mezzo per eccellenza, l’automobile. Qui potremmo già operare una distinzione. Se si vuole risparmiare in termini economici si potrebbe ad esempio cercare un passaggio per la tratta sui siti di car sharing, per i quali un posto in auto sulla distanza Roma – Pistoia viene offerto in media corrispondendo circa quindici euro.

Dovendo invece utilizzare come mezzo primario l’automobile, senza poterla però condividere con altre persone, i percorsi sono diversi.

Utilizzando la rete autostradale, il percorso si articolerà principalmente sull’autostrada A1/E35 in direzione Firenze per circa duecentottanta chilometri, per poi passare all’autostrada A11 da Firenze Nord e seguire le indicazioni per Pistoia. In questo caso il tragitto sarà di circa trecentoquindici chilometri, con un tempo di percorrenza poco superiore alle tre ore in condizioni di traffico e meteo “libere” (ovvero in assenza di maltempo e di code). A livello economico, un automobile di media cilindrata a benzina consuma tra i trenta ed i quaranta euro in carburante e all’incirca ventidue euro di pedaggio autostradale.

Tuttavia è possibile evitare il traffico autostradale e raggiungere Pistoia da Roma anche servendosi della rete di strade statali per le quali non è previsto pedaggio. Questo stratagemma ci evita di sicuro di spendere qualcosa in più, ma allunga i tempi di percorrenza e incrementa anche se di poco i consumi di carburante.

Il percorso prevede di attraversare l’Italia centrale lungo le strade provinciali o statali e non solo allunga considerevolmente il tragitto a livello chilometrico e temporale (parliamo di quasi trenta chilometri in più e più del doppio del tempo per arrivarci) ma incide in maniera sostanziale anche sul portafoglio, poiché la spesa si aggira in ogni caso intorno ai cinquanta euro, sempre tenendo conto di un’automobile di media cilindrata alimentata a benzina.
Come abbiamo visto, per affrontare il percorso da Roma a Pistoia, in linea di massima a meno che non si debba necessariamente utilizzare l’auto, esistono di certo soluzioni più rapide ed economiche.